Centro Psicoterapia Familiare

“Di relazioni ci si ammala, di relazioni si guarisce”

Patrizia Adami Rook

 

Terapia Individuale

Cerca nuovi significati ai vissuti di sofferenza della persona, al di là dei sintomi mostrati, in una nuova visuale che si esprime attraverso la relazione

Terapia di Coppia

Aiuta la coppia che vive vive conflitti ormai cronicizzati, a  superare la sofferenza emotiva, rilanciando il rapporto o muovendosi verso la separazione.

Terapia Familiare

Riorganizza le relazioni dei membri della famiglia attorno ad un cambiamento che è necessario per il benessere della famiglia stessa.

Chi siamo

Quattro colleghi animati dallo stesso obiettivo di lavorare con e per le persone, nell’intento di aiutarle a migliorare le relazioni all’interno dei sistemi di appartenenza.

Dott.ssa Ivana Siena  Psicoterapeuta Sistemico Relazionale
Dott. Sebastiano Carticiano  Psicoterapeuta Sistemico Relazionale
Dott.ssa Alessandra Di Domenico Psicoterapeuta Sistemico Relazionale
Dott. Fulvio D’Alberto  Psicoterapeuta Sistemico Relazionale

Il nostro metodo nella psicoterapia di coppia e familiare

Nel nostro Centro Psicoterapia Familiare scegliamo il lavoro di équipe, ossia un gruppo di terapeuti familiari impegnati in un “fare insieme” tra loro e con la coppia/famiglia, in un modello di cooperazione e co-responsabilità. L’équipe osserva e supervisiona il terapeuta, o i terapeuti, presenti in stanza di terapia durante le sedute, attraverso un supporto audio-video.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Consulenza On-Line

Consulenza a distanza

Gli incontri psicologici attraverso le piattaforme esistenti di videocomunicazione rappresentano un’alternativa, sempre più attuale, di consulenza e supporto a distanza. Nascono con lo scopo principale di fornire un aiuto psicologico agli italiani che vivono all’estero, ma ad oggi ci permettono di fornire i nostri servizi in qualsiasi parte del mondo.

Dal Blog

Sindrome del sopravvissuto

Sindrome del sopravvissuto

Quella che viene definita come sindrome del sopravvissuto è una condizione psicologica che insorge nelle persone che non muoiono a seguito di eventi catastrofici. Si tratta di una specie di trauma psichico legato alla buona sorte e all’angosciosa domanda: “Perché gli...

Questione di spazi vitali

Questione di spazi vitali

Avete mai provato la sensazione di sentirvi soffocati, invasi e frustrati nei vostri spazi vitali? Se la risposta a tale quesito è SI, è probabile che si sia verificata nella vostra vita una rottura dei propri confini o addirittura un loro non riconoscimento. I...

"Se riesci a tradurre in parole ciò che senti, allora ti appartiene"

"La saggezza è saper stare con la differenza senza voler eliminare la differenza"

Gregory Bateson

"Il problema di un bambino è sempre un problema familiare"

Salvador Minuchin

"La libertà di vedere e sentire ciò che è, invece di ciò che dovrebbe essere"

Virginia Satir

"C'è una canzone che merita di essere cantata ed è la canzone delle relazioni umane. Del legame attraverso il quale le persone si arricchiscono e crescono"

Salvador Minuchin

"I bambini vengono educati da quello che gli adulti sono e non da ciò che dicono"

Carl Gustav Jung

"Quando le persone hanno qualcosa di grosso in mezzo a loro e non ne parlano, non parlano di alcunché di importante"

Irvin Yalom – Il senso della vita

"La vita non è quello che dovrebbe essere. E' quello che è. E' come l'affrontiamo che fa la differenza"

Virginia Satir

Domande Frequenti

Come faccio a capire che ho bisogno di un aiuto psicologico?

Il concetto di crisi è spesso frainteso e vissuto come un momento esclusivamente negativo della vita. Tuttavia nel suo significato è insita la parola “cambiamento”.
Qualcosa non funziona più, un equilibrio si è rotto e questo crea un malessere. Se non si dà voce a questo malessere la quotidianità rischia di esserne pervasa e condizionata e spesso non se ne ha neanche consapevolezza piena.
Insoddisfazione, problemi relazionali, difficoltà scolastiche, lavorative o di coppia, sintomi psico-fisici, o disturbi della psiche più in generale, sono tutti segnali che è necessario un aiuto psicologico, pertanto ignorarli e affidarsi al tempo come unica speranza di cura risulta spesso un’illusione.

Qual è la differenza tra psicologo e psicoterapeuta?

Lo psicologo è un professionista della salute laureato in Psicologia, che dopo aver svolto un regolare tirocinio e superato l’esame di stato, è abilitato all’esercizio della professione dopo l’iscrizione all’Albo Professionale.

La professione dello psicologo è regolata da una specifica normativa, il codice deontologico, che ne definisce i doveri ed i limiti. Lo scopo principale del lavoro dello è la prevenzione del disagio o dei disturbi psicologici, la promozione del benessere della persona e il recupero dello stesso.

Lo psicoterapeuta è un laureato in psicologia o medicina, abilitato all’esercizio della professione,  che ha acquisito una specifica formazione post-lauream. Questa prevede un percorso, almeno quadriennale, presso scuole di specializzazione universitaria o riconosciute dal MIUR secondo la normativa vigente, nonché un tirocinio pratico continuativo e la supervisione da parte di psicoterapeuti esperti.

Lo psicoterapeuta il professionista indicato nella cura dei disturbi psicopatologici e che, quindi, strumenti clinici (diagnosi, eziologia, pianificazione del trattamento, setting) e attraverso la relazione umana (empatia, ascolto, fiducia, alleanza terapeutica), è in grado di accompagnare la persona in un processo di cambiamento, volto al raggiungimento di un migliore stato di equilibrio psicofisico.

Perché scegliere una terapia con la presenza di una équipe?

Il vantaggio di affidarsi ad un équipe terapeutica consiste nel considerare le riflessioni e le proposte che vengono “offerte” da dietro la telecamera come risorse importanti sia per i terapeuti che per le coppie/famiglie. Si finisce così per dare forma a un gruppo pensante, a una sorta di mente collettiva al servizio della terapia. Al contempo il gruppo finisce per partecipare anche emotivamente alle vicende terapeutiche, operando come un contenitore affettivo per i colleghi impegnati in prima persona nella stanza di terapia. 

Quando richiedere una terapia di coppia?

La relazione di coppia non è statica, ma dinamica: tende a cambiare ed evolvere nel tempo e vede i partners impegnati nell’attraversare molte esperienze, che metteranno alla prova sia le due persone, sia la loro relazione. Questi cambiamenti, che non sempre vanno nella stessa direzione, a volte, possono portare la coppia in una profonda crisi. 

 

Tra le motivazioni che possono spingere una coppia ad intraprendere una terapia troviamo:

 

  • Conflittualità nella coppia, che se ricorrente e non risolta può generare dinamiche come l’evitamento, l’aggressione passiva o l’attribuzione di colpa, alimentando cicli di incomprensione e disconnessione.
  • L’arrivo di un bambino(desiderato o non voluto) che può destabilizzare gli equilibri precedentemente costruiti.
  • Comunicazione inefficace, derivata da incomprensioni, mancanza di chiarezza o dalla difficoltà di esprimere i propri bisogni e sentimenti.
  • Casi di separazione o divorzio, per fornire uno spazio sicuro dove i partner possono esplorare i loro sentimenti, comprendere le ragioni alla base della scelta e cercare di affrontare la situazione nel modo più costruttivo e pacifico possibile, soprattutto se manca l’accettazione di uno dei due partner o ci sono figli coinvolti.
  • Elaborare situazioni traumatiche (lutti, incidenti, violenze, perdite, malattie o disabilità), che spesso richiedono una riorganizzazione degli equilibri e degli schemi della coppia, nonché uno spazio in cui elaborare le complesse emozioni che esse comportano
  • Tradimento, per poter comprendere il significato e il messaggio nascosto dietro questo gesto e lavorare insieme per ricostruire la fiducia o arrivare ad una separazione consapevole e esplicita.
  • Problematiche nella sfera sessuale, al fine di esplorare queste tematiche e poter comunicare in modo aperto e libero rispetto alle proprie esigenze o a cercare accordi o soluzioni reciprocamente accettabili.
  • Problemi legati alla famiglia d’origine, come le ingerenze da parte dei familiari o vecchi conflitti non risolti con i genitori o altri parenti, che possono riflettersi nelle interazioni quotidiane tra i partner.

 

Quando gli eventi critici costringono ad una nuova riorganizzazione, e i membri della coppia non sono in grado di trovare da soli un nuovo equilibrio più funzionale, è importante chiedere aiuto ad un terapeuta di coppia.

Quando richiedere una terapia familiare?

Le motivazioni per cui richiedere un intervento familiare sono molteplici, ma tutte accomunate dal concetto di base secondo cui la sofferenza del singolo coinvolge, ed a volte travolge, tutti i membri della famiglia.

Tra gli eventi critici che vanno a creare instabilità all’interno al sistema familiare, troviamo:

  • Conflittualità nella coppia che si riversa sui figli;
  • L’arrivo di un bambino (desiderato o non voluto) che destabilizza gli equilibri precedentemente conquistati;
  • Separazione o divorzio, ove manchi l’accettazione di uno o più membri della famiglia;
  • Riorganizzazione attorno ad una malattia, ad una disabilità sopraggiunta o un evento luttuoso non elaborato;
  • Segnali da parte dei figli adolescenti (difficoltà scolastiche, autolesionismo, azioni delinquenziali);
  • Cambiamenti lavorativi ed economici o trasferimenti in un nuovo ambiente;
  • Gestione del tempo quotidiano in fase di pensionamento;
  • Situazioni traumatiche vissute da uno dei suoi membri (lutti, incidenti, violenze, perdite).

Quando gli eventi critici costringono ad una nuova riorganizzazione, e i membri non sono in grado di trovare da soli un nuovo equilibrio più funzionale a superare la crisi familiare, è importante chiedere aiuto ad un terapeuta familiare.

 

Come avviene il cambiamento durante una psicoterapia?

Ogni persona ha i suoi legittimi tempi per acquisire progressivamente la consapevolezza di sé, nuove visuali della propria vita e nell’esercitare scelte diverse. 

In una fase iniziale si possono individuare i comportamenti disfunzionali e si lavora per modificarli. Successivamente scendere in profondità, attraverso i vissuti più o meno dolorosi legati alla propria storia familiare, permette di entrare maggiormente in contatto con se stessi.

Questo può creare delle resistenze, tuttavia il cambiamento è un percorso complesso, difficile e la relazione terapeutica diventa il mezzo di elezione che lo favorisce. 

Contatti

Per richiedere informazioni compila il form sottostante o contattaci telefonicamente per prenotare un colloquio diretto

+39 3500024657

Viale Giovanni Bovio, 94 65123 Pescara (PE)

centropsicoterapiafamiliare@gmail.com

Pin It on Pinterest

Share This
Call Now Button