Cos’è un selfie?

Per selfie si intende una foto autoprodotta di se stessi, scattata con uno smartphone e pubblicata online su un Social Network.
A lanciare questa moda sono statele star dello spettacolo, subito seguite da migliaia di fan.
In poco tempo il web è stato invaso di foto scattate nei momenti e nei luoghi più insoliti. Tantissimi adolescenti, e non solo, si fotografano davanti alla specchio, magari del bagno; mentre non poche coppie sono solite postare una loro foto accompagnata dall’hashtag #Aftersex.

Cosa si nasconde dietro al selfie?

Cos’è che spinge sempre più persone a scattarsi una foto e a pubblicarla in rete?
Senza dubbio emerge una forte componente narcisistica. I social network diventano un enorme specchio narcisista, una vetrina autoreferenziale per dimostrare agli altri che cosa si è, quanto si vale, comunicare stati d’animo e caratteristiche di sé in modo disimpegnato e senza le difficoltà della comunicazione diretta.
Probabilmente, il desiderio di mostrarsi a più persone possibile ha a che fare con la ricerca di identità.
Si ricerca lo sguardo altrui, e sempre più spesso online.Viene costantemente ricercata una conferma della propria immagine;il pericolo è che si affidi la propria identità ai ritratti di sé che vengono veicolati dai social network, investendo la rete di quelle funzioni di riconoscimento sociale generalmente affidate al confronto con gli altri.
In alcuni casi il desiderio ossessivo di realizzare fotografie di sé stesso per poi pubblicarle online, compensa la mancanza o carenza di autostima.
Spesso infatti dietro ad un selfie non si nasconde affatto sicurezza. Al contrario, la ricerca costante di commenti positivi alla propria immagine rappresenta il bisogno di accettazione e di rassicurazioni sul proprio aspetto e, più in generale, sulla qualità della propria vita.
Tuttavia, nessuno è completamente immune da tale fenomeno che può assumere forme e livelli di gravità differenti.
Il problema nasce quando, senza rendersene conto, si finisce con il perdere il contatto con la realtà della propria dimensione, generando così difficoltà relazionali.

Opportunità e rischi

Non c’è assolutamente niente di male nell’utilizzo dei Social Network e dei suoi espedienti comunicativi, anzi in molti casi sono un ottimo strumento per vincere la timidezza o favorire la conoscenza di persone nuove. L’importante è ricordare che non rappresentano l’unico mezzo di socializzazione. 
Dott.ssa Rossella Scelza
Call Now Button

Pin It on Pinterest

Share This